Regolamento interno

  1. All'atto dell’iscrizione l'atleta (se maggiorenne) o il genitore, riceverà copia del presente regolamento, firmando per avvenuta consegna, e sarà tenuto ad osservarne le regole.

  2. L'atleta (o un genitore in caso di minorenni) dovrà formalizzare l'iscrizione versando la quota associativa di 25,00 euro in un’unica soluzione, e compilando in ogni sua parte il modulo d'iscrizione. L'anno sociale inizia il 1 settembre e si conclude con il 31 agosto di ogni anno.

  3. Il socio, per poter prendere parte alle attività sociali, dovrà provvedere a stipulare una polizza di responsabilità civile che copra gli eventuali danni causati dal proprio cane. In assenza di tale polizza il socio non potrà prendere parte né agli allenamenti né alle gare.

  4. La quota associativa dà diritto a frequentare le lezioni della disciplina prescelta per l'anno sociale in corso, ma non dà automaticamente diritto a partecipare a gare. L'iscrizione alle gare è subordinata alla decisione degli istruttori secondo criteri tecnici. Fermo restando il principio di far partecipare, nei limiti del possibile, il maggior numero di atleti alle gare. Stesso principio viene applicato anche per la partecipazione agli stage delle varie discipline. Qualora un socio partecipi ad una gara o ad uno stage malgrado il parere contrario del suo istruttore, può essere richiamato e dopo 3 richiami l’istruttore potrà decidere se proseguire il rapporto con il socio o passarlo ad altro istruttore, venendo a mancare il rapporto di fiducia necessario al buon proseguimento dell’iter di insegnamento.

  5. È compito del consiglio Direttivo stabilire la durata dell'anno sportivo, stabilendo per le varie discipline un calendario. Per gli agonisti: eventuali allenamenti nel periodo estivo vanno concordati con il responsabile tecnico della rispettiva disciplina.

  6. L'Associazione è dotata di istruttori qualificati presso i rispettivi Enti d'appartenenza al fine di garantire un elevato standard qualitativo dell'insegnamento.

  7. Tutti gli atleti che intendono svolgere attività sportiva devono fornire copia del certificato medico di idoneità alla pratica sportiva. Tale certificato può essere redatto dal proprio medico di base o presso strutture pubbliche o private.

  8. Durante la permanenza all'interno del Centro Cinofilo atleti e familiari devono tenere un comportamento corretto e responsabile. L'attrezzatura che si utilizza ha un valore, pertanto tutti gli utilizzatori sono invitati a rispettarla e a farla rispettare. La stessa a fine utilizzo dovrà essere riposta nei luoghi pertinenti.

  9. Durante gli allenamenti gli atleti dovranno tenere un comportamento corretto verso i compagni di squadra e gli istruttori, nel rispetto degli orari di inizio e fine allenamento.

  10. Gli atleti in attesa della propria lezione non dovranno disturbare in alcun modo le lezioni in corso e potranno accedere al campo solo dopo l'autorizzazione del proprio istruttore.

  11. I cani all'interno del Centro Cinofilo dovranno essere condotti e gestiti al guinzaglio, soprattutto nelle aree comuni, salvo espressa richiesta dell’istruttore di riferimento, onde evitare spiacevoli incidenti e nervosismi. I cani degli Istruttori sono esonerati da tale vincolo.

  12. I campi recintati non sono da considerarsi come aree di sgambamento e i cani non possono essere lasciati soli senza custodia in tali campi, in quanto potrebbero ferirsi sulle attrezzature. Qualora l’istruttore di riferimento ravvisasse la necessità di utilizzare un campo libero dove lasciare i cani del socio, anche senza custodia, sarà lo stesso istruttore ad autorizzarne l’uso del campo. Nel caso un campo utilizzato dal socio per contenere i suoi cani debba essere usato da un altro istruttore, il socio dovrà liberare l’area nel minor tempo possibile e raccogliendo tutte le deiezioni dei propri cani.

  13. Il proprietario o conduttore del cane è responsabile di ogni azione compiuta dal proprio cane, sia esso al guinzaglio, sia libero. Eventuali danni causati dal proprio cane sono esclusivamente a carico del proprietario.

  14. L'Associazione si impegna a iscrivere allo CSEN tutti gli atleti e quindi a dotarli di idonea copertura assicurativa base. Per eventuali polizze aggiuntive si può consultare il sito dello CSEN.

  15. Gli istruttori provvederanno a comunicare tempestivamente qualsiasi variazione relativa alla programmazione dell'attività sportiva stabilita (orario, giorno) tramite messaggi WhatsApp. In caso di maltempo l'istruttore valuterà la situazione ambientale e deciderà se sospendere le lezioni.

  16. In caso di malattia prolungata dell’istruttore, sarà lui stesso a trovare un supplente, il quale lo sostituirà negli orari di sua disponibilità. La priorità agli allenamenti spetta agli atleti agonisti. Pertanto gli allievi non dovranno contattare direttamente un altro istruttore ma sarà lo stesso istruttore di riferimento a comunicare gli orari disponibili del supplente agli allievi che hanno necessità di allenarsi per le gare.

  17. Gli atleti devono avvisare il proprio istruttore dell'impossibilità di partecipare ad una lezione almeno il giorno prima dello svolgimento della stessa. In caso di avviso tardivo, la lezione sarà comunque addebitata.

  18. L'inosservanza del presente regolamento da parte degli atleti comporterà una serie di provvedimenti disciplinari:
    - richiamo verbale
    - sospensione temporanea dell'allenamento
    - sospensione di ulteriori allenamenti
    -in casi estremamente gravi l'Associazione per il tramite Consiglio Direttivo, in comune con i tecnici, valuterà la decisione di sospendere definitivamente l'atleta dalla frequenza alle attività sociali. La quota associativa non sarà rimborsata.